L’Alp Airri Aversa perde alla ‘De Curtis’ per 3-0 contro il Volley World e incappa nella quarta sconfitta consecutiva. Un ruolino di marcia che si fa preoccupante per le aversane, insieme alla classifica, che le vede posizionate al terzultimo posto con cinque punti. La squadra di coach Narducci era chiamata ad un pronto riscatto dopo il ko di Ponticelli, dove aveva di fronte però la capolista Molinari Volley Napoli. Nel confronto con il Volley World l’allenatore normanno deve fare a meno del capitano Gargiulo, fermata dall’influenza, e dell’altro posto 4 Sposito, il cui recupero, purtroppo, sembra ancora lontano. Il sestetto titolare è stato, dunque, il seguente: Di Francesco e Mastroianni in banda, Misceo opposto, Chianese e Grieco centrali, Colle in regia; Petrella libero. Primo set all’insegna dell’equilibrio sino al massimo vantaggio ospite sul 14-19. Coach Narducci è costretto a chiamare il time out, ma la strigliata non porta i risultati voluti. Il Volley World vince la prima frazione di gioco per 17-25. La seconda si apre con un allungo dell’Alp Aversa che fa ben sperare. 6-3 grazie a due battute vincenti di Misceo e alla schiacciata di Di Francesco. Il +3 rimane sino all’8-5, quando è l’allenatore ospite a chiedere il time out. Le napoletane recuperano sul 10 pari e si portano, a loro volta, sopra di tre (12-15). L’orgoglio delle aversane esce fuori, prima con il pareggio a 15, poi con il mini-brek che consente a Grieco e compagne di portarsi in vantaggio per 18-16. Da questo momento in poi il roster padrone di casa spegne la luce. Subisce un parziale di sette punti a uno, che consente al Volley World di portarsi sul 2-0 nel conto dei set. L’invasione di Colle ferma il risultato sul 19-25. Nel terzo periodo coach Narducci tenta di scuotere la sua squadra inserendo prima Siano e poi Schiattarella in regia. I cambi non danno l’effetto sperato. Le napoletane s’involano verso la vittoria del match con un deciso 15-25. «La situazione non è fra le più rosee, ma un po’ c’era da aspettarselo», afferma nel dopo-partita il patron Gianni Apicella. «Senza due pedine importanti come capitan Gargiulo e la Sposito, per un roster giovane come il nostro, vuole dire regalare molto alla squadra avversaria. Certo, crollare in quella maniera nel terzo set, dopo i primi due giocati per trequarti alla pari, non è piacevole. Queste sconfitte devono servire per non ripetere tali errori negli scontri diretti». Coach Narducci non nasconde l’amarezza. «Dobbiamo allontanarci da questa posizione in classifica. Non possiamo sperare che le ultime due perdano sempre. Prima o poi dovranno incontrarsi e una deve vincere, poi dovranno incontrare noi e a quel punto è meglio stare quanto più lontano possibile. Pecchiamo sempre degli stessi difetti. Rimaniamo in partita sino ad un certo punto, poi crolliamo. È una questione di testa che non riusciamo a superare». Prossimo impegno per l’Alp Airri Aversa sabato 22 dicembre contro il Cus Napoli, nella gara valida come recupero della prima giornata di campionato.

Comments

0